Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage

Protocollo di intesa tra il Tribunale di Milano e il Comune di Milano

Linee guida per la collaborazione di professionisti nominati amministratori di sostegno, tutori o curatori

 

La legge 6 del 9 gennaio 2004 disciplina l'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica varie norme del codice civile in materia di interdizione e inabilitazione delle persone prive in tutto o in parte di autonomia.

Il giudice tutelare nelle sue funzioni provvede alla nomina di un amministratore di sostegno, tutore o curatore in favore delle persone che siano in tutto od in parte incapaci di provvedere ai propri interessi o che siano state dichiarate interdette o inabilitate, con sentenze emesse all’esito dei relativi procedimenti contenziosi.

Presso il Comune di Milano, Direzione Politiche Sociali, è stato istituito l'Ufficio Tutele e ADS con finalità di assumere le funzioni connesse all'amministrazione di sostegno, tutela e curatela, in favore di coloro per i quali il sindaco sia stato nominato, con decreto del Tribunale Ordinario, amministratore di sostegno, tutore o curatore. Tale servizio svolge funzione di raccordo verso altri soggetti del settore pubblico, privato e del privato sociale.

Attualmente il Comune di Milano ha in carico circa n. 500 utenti maggiorenni, beneficiari di misure di protezione giuridica.

Con il protocollo oggi sottoscritto si vogliono definire i presupposti e le modalità di una forma di contribuzione del Comune di Milano per una indennità in favore di professionisti che assumono il ruolo di ADS, tutori, curatori di persone residenti o domiciliate in Milano.

 

Il protocollo


  
  • Ministero della Giustizia
  • Giudice di Pace
  • Camera di Commercio di Milano
  • Scuola Superiore della Magistratura
  • Procura di Milano