Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Come fare per... > Eredità e successione
contattaci
News

29/05/18 - Tabelle Organizzative del Tribunale di Milano

Le modifiche sulle competenze tabellari delle sezioni civili hanno attuazione dal 21 maggio 2018 e riguardano le cause e le procedure iscritte a ruolo dopo tale data.
Le modifiche delle competenze tabellari delle sezioni penali hanno attuazione dal 28 maggio 2018.


24/05/18 - Foglio di Informazione della Direzione Generale della Giustizia Civile

Foglio di Informazione della Direzione Generale della Giustizia Civile anno 2018 n. 2 - Trasmissione e pubblicazione "on line" dei contenuti.

Nota di serv_95 foglio di informazione DG giustizia civile

Foglio di informazione DG Giustizia Civile n_2 anno 2018

 


02/05/18 - Conferenza Permanente di Milano

Regolamento delle affissioni negli spazi comuni del Palazzo di Giustizia di Milano.

Leggi il regolamento.


27/04/18 - Stato dei pagamenti delle Spese di Giustizia del Tribunale Ordinario e dei Giudici di Pace di Milano e Rho

Sono stati stanziati i fondi per tutte le liquidazioni in arretrato, iscritte a mod 1ASG in
tutto l'anno 2016. Ad oggi gli ulteriori fondi stanziati consentono il pagamento anche delle spese
liquidate e iscritte a mod 1ASG sino ad agosto 2017. I fondi stanziati sinora per l'anno 2018 (leggi la nota)


certificati online
prenotazione_udienze
tirocinio_formativo
trascrizioni_sentenze
processo_telematico


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!

Rinuncia all’eredità

 

COSA E'
Un erede può decidere di non accettare l'eredità destinatagli, manifestandolo espressamente. La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione, resa al notaio o al cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell'ultimo domicilio del defunto), entro tre mesi dalla morte se si è nel possesso dei beni o entro dieci anni se non si è nel possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta.
La rinuncia presuppone la morte della persona della cui eredità si tratta, cioe l'apertura della successione. Viene effettuata generalmente quando l'eredità è gravata da debiti per non dovervi rispondere e in tal caso dovrà essere effettuata anche da tutti i discendenti del rinunciante. Può essere fatta anche per agevolare altri coeredi con un unico passaggio di proprietà qualora l'eredità sia attiva. La rinuncia non può essere parziale, né condizionata, né a termine.


NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Artt. 519 e ss. c.c.


CHI PUO' FARLO
Può essere effettuata dagli eredi e, nel caso di minori, interdetti, inabilitati e persone giuridiche, chi li rappresenta.


COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI
I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza.

Per la redazione dell'atto occorrono:

- certificato di morte in carta libera (o autocertificazione);
- 1 marca da bollo da € 16,00;
- documento valido di riconoscimento;
- codice fiscale del defunto e del rinunciante (anche se minore/interdetto/inabilitato o sottoposto ad amministrazione di sostegno);
- copia conforme del testamento (qualora esista);
- nota di iscrizione a ruolo;
- versamento per la registrazione di € 200,00 da effettuarsi contestualmente alla redazione dell'atto tramite modello F23 che si ritira presso l'URP.

Se per minore/interdetto/inabilitato o sottoposto ad amministrazione di sostegno e necessaria una copia conforme dell'autorizzazione del Giudice Tutelare.


DOVE SI RICHIEDE
Tribunale di Milano -
Ufficio URP - 1° piano - ingresso porta Vittoria
Orario: lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 13.00.


QUANTO COSTA
- 1 marca da bollo da € 16,00
- versamento per la registrazione di € 200,00


TEMPI
L'atto viene formalizzato in giornata

Se i rinuncianti sono più di cinque è richiesto previo appuntamento, anche telefonico (025436)


MODULI STANDARD

- Nota di iscrizione a ruolo (non contenzioso) eredita' e successione

- Dichiarazione di valore

- Modello F23